Carnap, Kuhn, and the Philosophy of Scientific Methodology by Earman

By Earman

Show description

By Earman

Show description

Read or Download Carnap, Kuhn, and the Philosophy of Scientific Methodology PDF

Best other social sciences books

El avance del saber

El avance del saber, en los angeles medida en que es los angeles quintaesencia del pensamiento baconiano en el período de formación del autor, sintetiza admirablemente las líneas maestras de éste y exhibe ya muchos de los rasgos característicos de su obra de madurez. Gracias a su outstanding difusión (conoció incluso una versión francesa en 1624), realzada por l. a. ulterior revisión del tema en De augmentis, los proyectos del Canciller fueron bien conocidos y no sintió l. a. necesidad de dar a los angeles luz ningún otro de los borradores que a l. a. sazón redactara, reservándose para su obra magna, l. a. gran restauración.

Additional info for Carnap, Kuhn, and the Philosophy of Scientific Methodology

Example text

Quello che sta sotto, senza ali... è chiamato Solfo, o calidità corporificazione di questo Sacro Spirito è da sempre 10 scopo diretto delle fatiche alchemiche, così come la trasmutazione, nient'altro che la prova, la conferma del risultato ottenuto. 11 vaso "per contenere lo Spirito" Il problema al quale era confrontato l'alchimista - sempre restando sul piano teorico - diveniva a questo punto un altro, e cioè, come poteva essere raggiunto tale scopo se non attirando lo Spirito all'interno di un contenitore capace di raccoglierlo e non lasciarselo sfuggire?

W T fytdSTHT'ï h* W ^ i K . JfMJunv- I • i -n w n ' /0- ,/ > t truO »* t % mtd-M La "via secca" Viene qui rappresentato, in una struttura bipartita, Io schema operatorio della cosiddetta "via secca". A fronte, i due forni. Uno è alto, turrito, destinato alle calcinazioni, alle congiunzioni e separazioni. L'altro è basato su di un sistema di cottura particolare, chiamato bagno di sabbia, adatto alle operazioni in cui sia richiesto un regime di calore dolce e costante, è il forno dove si compiono tutte le lunghe operazioni di assazione.

La visuale eliocentrica infatti era già ben compresa in quell'identità ermetica DioIlluminazione della quale il Sole e le sue influenze sul piano terrestre da sempre erano simbolo. Inoltre, il radicarsi di tale modello astronomico, non cambiava minimamente il ruolo di "essere conoscente" destinato dal Creatore all'uomo. Semmai ne confermava la stretta dipendenza, a livello d'intuizioni superiori, dal quel Sole d'illuminazioni - la cui origine sempre e comunque divina era il punto fisso da cui tutto proveniva e a cui tutto, in un cammino circolare, doveva eternamente tornare.

Download PDF sample

Rated 4.84 of 5 – based on 48 votes