Commentario alla Metafisica di Aristotele by Alessandro di Afrodisia, a cura di Giancarlo Movia

By Alessandro di Afrodisia, a cura di Giancarlo Movia

Show description

By Alessandro di Afrodisia, a cura di Giancarlo Movia

Show description

Read Online or Download Commentario alla Metafisica di Aristotele PDF

Best italian books

Allenamento della percezione uditiva nei bambini con impianto cocleare

L. a. sordit� prelinguale consiste in una grave perdita uditiva, congenita oppure acquisita, insorta prima dei 18 mesi di vita. Essa impedisce al bambino l’accesso al mondo sonoro e al linguaggio orale. l. a. tecnologia dell’impianto cocleare può fornire risultati migliori rispetto alle protesi acustiche tradizionali, sia in ambito percettivo uditivo, sia in ambito linguistico, a patto che venga iniziato il più presto possibile un intervento multiprofessionale, specifico e regolare.

Il sogno di Spinoza

Una sera, sul finire dell’anno 1655, mentre si appresta a chiudere il suo negozio di spezie nel centro di Amsterdam, il giovane Baruch Spinoza incontra Frans van den Enden, medico e commerciante di libri che ama radunare intorno a sé le menti più brillanti e originali. Da allora los angeles sua casa diventa consistent with il giovane filosofo il luogo in cui coltivare los angeles passione according to gli studi filosofici, abbandonati a causa delle difficoltà economiche della famiglia.

Extra resources for Commentario alla Metafisica di Aristotele

Sample text

La scienza si rafforza ogni volta che si rafforza la critica scientifica, cioè, inscindibilmente, la qualità scientifica delle armi a disposizione, come la necessità, al fine di trionfare scientificamente, di utilizzare le armi della scienza, e soltanto quelle. Il campo scientifico è, in effetti, un campo di lotte come un altro, ma in esso le disposizioni critiche suscitate dalla concorrenza hanno qualche probabilità di trovare soddisfazione soltanto a patto di potere mobilitare le risorse scientifiche accumulate; più una scienza è avanzata, e quindi forte di un’esperienza collettiva consistente, più la partecipazione alla lotta scientifica implica il possesso di un capitale scientifico consistente.

Essendo sempre più o meno coinvolti in uno dei giochi sociali che i diversi campi mettono a disposizione, non ci viene in mente di chiedere perché ci sia azione piuttosto che niente — il che, a meno di supporre una propensione naturale all’azione o al lavoro, non è affatto qualcosa di ovvio. Tutti sanno, per averlo sperimentato, che ciò che fa correre l’alto funzionario può lasciare indifferente il ricercatore, e che gli investimenti dell’artista restano qualcosa di incomprensibile per il banchiere.

In senso generale, la lingua esprime più facilmente le cose che non i rapporti, gli stati più dei processi. Dire, per esempio, a proposito di qualcuno, che ha del potere, oppure chiedersi chi, al giorno d’oggi, detiene realmente il potere, significa pensare il potere come una sostanza, una cosa che alcuni detengono, conservano, trasmettono; significa domandare alla scienza di determinare «chi governa» (come suona il titolo di un classico della scienza politica) o chi decide; significa, ammettendo che il potere, in quanto sostanza, sia situato da qualche parte, chiedersi se proviene dall’alto, come vorrebbe il senso comune, oppure, tramite un ribaltamento paradossale che è ben lungi dallo scalfire la doxa, dal basso, dai dominati.

Download PDF sample

Rated 4.27 of 5 – based on 32 votes